Le nostre riflessioni sul caso Aquarius e sull’immigrazione.

Il caso dell’#Aquarius, pone alcuni interrogativi. Si pensa di risolvere i flussi migratori chiudendo gli approdi e negando cure mediche, generi di prima necessità a persone – uomini, donne e bambini – che arrivano disperati? E domani succederà la stessa cosa?

Gli accordi internazionali vanno discussi sui tavoli delle trattative europei, non facendosi scudo delle situazioni emergenziali, dimenticando norme internazionali sui diritti umani e sulla protezione dei rifugiati : dall’art. 33 della Convenzione di Ginevra, articoli 2 e 3 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU).

Il Coordinamento Genitori Democratici esprime serie preoccupazioni per l’aria che tira nel nostro Paese; se l’odio e l’intolleranza verso persone disperate non risparmia neanche bambini inermi che fuggono dalla guerra e dalla miseria, si rischia di perdere ogni principio di umanità.

E’ questa la società che vogliamo lasciare ai nostri figli?

Nella famiglia e nella scuola occorre insegnare, prima di ogni cosa, principi di accoglienza, di integrazione,di inclusione,contro le disuguaglianze, per i rispetto dei diritti di tutti.

Questa è la scuola e la società che noi abbiamo in mente per i nostri figli.

Lavoreremo su un’integrazione vera, di rispetto delle diverse culture, per affermare una reale convivenza civile.

Contro ogni atteggiamento di esclusione, preludio di pericolosi atteggiamenti di odio e di razzismo. Se questo dovesse succedere, avremmo perso tutti.

COORDINAMENTO GENITORI DEMOCRATICI

Tagged with:    

About the author /


Flickr

    Contatti CGD

    Il Coordinamento Genitori Democratici è una ONLUS fondata nel 1976 da Marisa Musu e Gianni Rodari sull'onda dei movimenti di partecipazione e di rinnovamento democratico delle istituzioni tradizionali. Trovate maggiori informazioni in CHI SIAMO

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: