‘LA SINDACA: SEGNALETEMI I PROF DI SINISTRA’ (Repubblica, 5 agosto)

Abbiamo avuto sindaci sceriffi, sindaci pastori, sindaci scalzi, sindaci  indagati e sindaci filosofi. Ora abbiamo la sindaca delle delazioni.

Si tratta della sindaca di Monfalcone, quella che caccia i figli degli operai bengalesi dei cantieri dalle scuole dell’infanzia perché ‘prima i friulani’ (e vieta, per motivi di decoro urbano, ai loro padri di circolare in tuta da lavoro durante la pausa). Ora si scaglia contro ‘il sistema di sinistra’ (?) imperante a suo dire nella malfida categoria docente, che lei invita a snidare  denunciandolo nientedimeno che al garante dei minori per supposto condizionamento (forse anche tramite elettrochock, direbbe un giovane politico) degli studenti  da parte di docenti “che con le loro ideologie avvelenano i giovani osteggiando apertamente le scelte democratiche che gli italiani stanno manifestando verso gli amministratori della Lega.”

Verrà, annuncia la sindaca, istituito un “punto di ascolto riservato”. Uno sportello come quello che molte scuole hanno istituito per contrastare il bullismo e accogliere confidenze e inquietudini degli studenti e delle studentesse. Con la presenza di psicologi o di vigili urbani? Non è dato sapere. La gloriosa Repubblica di Venezia, più sbrigativa, aveva la sua bocca del leone per le ‘denontie secrete’, però seminava anche nel mondo una fitta rete di spie. A Monfalcone a chi verrà attribuita tale salvifica funzione? Agli studenti, ai genitori, alla parte ‘sana’ del corpo docente, quella che non parla “in termini ideologici e politici”, ai dirigenti scolastici, ai collaboratori? La scelta è vasta, le possibili collaborazioni molte. Occhi e orecchie aperte, dunque, nel monfalconese.

Ricordiamo un precedente illustre, il senatore di Forza Italia che fin dai tempi del ministro Moratti invitava i cittadini bolognesi a svolgere tale delicata funzione di controllo e di segnalazione; ma non risultò poi che si applicassero misure repressive contro i deformatori di giovani menti; forse anche nella ‘rossa’ Bologna per i  delatori reperire docenti così ingenui e così  ‘rivoluzionari’ non era impresa facile; chissà se nella ex rossa Monfalcone la sindaca troverà terreno più fertile alla sua caccia(ta?).

In quanto cittadini responsabili e collaborativi, ci sentiamo però in dovere di fornire alla sindaca e ai suoi ispiratori  una notizia che, siamo certi, non ne scalfirà la ferrea determinazione, quella stessa determinazione che, per tutelare cittadini benpensanti e democraticamente leghisti e non offrirli preda alle manipolazioni dei ‘giornaloni’ le ha fatto togliere dagli espositoi nella biblioteca comunale il Manifesto Avvenire.

La notizia che vogliamo darle è questa. Non si può non fare politica, ogni nostra azione, ogni nostro gesto che vada al di là delle relazioni e scelte strettamente private è politico. Ogni scelta e ogni omissione. Lo ribadiamo alla sindaca e ai suoi sodali: è ideologico e politico non voler sentire, non voler confrontarsi, non lasciar parlare. Ci sentiamo di ribadirla, questa definizione di ciò che è politico, sentendoci  in buona compagnia, lo dicevano e scrivevano Bob Kennedy, Martin Luther King, don Milani, e, risalendo ‘per li rami’, perfino quell’avvelenatore di menti che fu Aristotele. Secondo il quale politica è occuparsi della polis (sic!) avendo in mente il bene di tutti. Anche di chi la pensa diversamente. Tutti. Anche i disobbedienti e i critici. E’ la democrazia, bellezza.

per il Tavolo SaltaMuri il portavoce Giancarlo Cavinato

About the author /


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie dai CGD locali

Un contributo dal CGD di Modena “Riapertura a settembre: quale scuola?”
Posted in: Attività Cgd Locali

In previsione di una auspicabile riapertura delle scuole a settembre 2020, in questo momento formidabile che ci vede tutti coinvolti come mai prima d’ora a ripensare i nostri stili di vita e a ripensarli in modo più responsabile, equo e sostenibile, vogliamo dare come genitori il nostro peculiare contributo al lavoro di chi, al Governo, […]

Read More

Flickr

    Contatti CGD

    Il Coordinamento Genitori Democratici è una ONLUS fondata nel 1976 da Marisa Musu e Gianni Rodari sull'onda dei movimenti di partecipazione e di rinnovamento democratico delle istituzioni tradizionali. Trovate maggiori informazioni in CHI SIAMO

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: