SUL VOTO AL DDL ZAN.

La Discriminazione non è un’opinione, è un reato contrario ai dettami Costituzionali; per questo, nel difendere i diritti civili, il DDL ZAN poteva e doveva rappresentare la giusta risposta all’odio omofobico, che rischia così di sopravvive ancora nel nostro Paese.

Il CGD, sempre a difesa dei diritti di tutte e tutti, esprime profondo sgomento per l’esito del voto di ieri al Senato.

Gli Italiani, il nostro Paese, l’opinione pubblica devono proseguire nella direzione di costruire una convivenza civile, che guardi al futuro di una società aperta ed inclusiva.

Il CGD proseguirà la sua battaglia come sempre l’ha condotta: con la cultura, l’insegnamento, l’ascolto e la denuncia. Dobbiamo giorno per giorno difendere personalmente coloro che la legge non difende.

Questo il messaggio inequivocabile che va dato ai giovani, oggi più che mai.

COORDINAMENTO GENITORI DEMOCRATICI

About the author /


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Notizie dai CGD locali

RIFLESSIONI DI FRANCO LORENZONI PER SALTAMURI SU : IUS SCHOLAE
Posted in: Attività Cgd Locali

E’ approdato ieri alla Camera lo Ius Scholae, una legge molto moderata sulla cittadinanza ai figli di famiglie immigrate, che può tuttavia aprire il varco al diritto inalienabile di ragazze e ragazzi di ogni provenienza a sentirsi di casa in Italia. Nonostante i limiti della proposta dell’onorevole Brescia, dobbiamo mobilitarci di nuovo perché entro questa […]

Read More

Flickr

    Contatti CGD

    Il Coordinamento Genitori Democratici è una ONLUS fondata nel 1976 da Marisa Musu e Gianni Rodari sull'onda dei movimenti di partecipazione e di rinnovamento democratico delle istituzioni tradizionali. Trovate maggiori informazioni in CHI SIAMO

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: