ANCORA LA FANTOMATICA IDEOLOGIA DEL GENDER? Al MIUR, insieme all’Agedo nazionale, il CGD chiede chiarezza

pariopportunita

Veniamo a conoscenza che la Regione Lombardia ha indetto un bando per la gestione di uno ‘sportello famiglia’ e che il servizio “costituirà anche un valido strumento di contrasto all’ideologia gender” come ha affermato l’assessore regionale alle Culture Cristina Cappellini.

Più in generale lo sportello servirà “a fronteggiare – ha aggiunto Cappellini – eventuali casi di forme di disagio nel percorso educativo degli alunni, avendo come stella polare i valori non negoziabili della famiglia naturale e della tutela della libertà educativa in campo alla famiglia stessa”.

Il bando è stato vinto dall’Associazione AGE che percepirà 30mila euro per questa attività di monitoraggio nelle scuole, gestendo anche un centralino per i genitori che vorranno denunciare la diffusione della cosiddetta teoria “gender” negli istituti lombardi.

Siamo molto preoccupati e ci chiediamo:

  1. sotto quale voce di bilancio la Regione Lombardia è arrivata ad erogare 30.000 euro per questo progetto?
  2. La Ministra Giannini non aveva detto a suo tempo che chiunque avesse continuato con la farsa della teoria del gender sarebbe stato sanzionato?
  3. Chi deve fare il monitoraggio nelle scuole? La Regione o il MIUR? Chi ha competenza in materia? Chi si occupa di eventuali segnalazioni?
  4. La scuola, soprattutto se scuola pubblica, deve garantire e tutelare la pluralità. Sostenere che sono valori “non negoziabili” quelli della famiglia naturale ( intendendo ovviamente per naturale solo quelle formate da un uomo, una donna e dai figli nati dalla loro unione e non tutte le altre forme famigliari esistenti)  e la tutela della libertà educativa della famiglia stessa viola il principio stesso di pluralità.

Pertanto chiediamo chiarimenti in merito e soprattutto azioni concrete di contrasto a pratiche che rischiano di incrementare l’intolleranza, l’esclusione, la violenza.

Firmato  Agedo Nazionale e CGD Nazionale

About the author /


Notizie dai CGD locali

Un contributo dal CGD di Modena “Riapertura a settembre: quale scuola?”
Posted in: Attività Cgd Locali

In previsione di una auspicabile riapertura delle scuole a settembre 2020, in questo momento formidabile che ci vede tutti coinvolti come mai prima d’ora a ripensare i nostri stili di vita e a ripensarli in modo più responsabile, equo e sostenibile, vogliamo dare come genitori il nostro peculiare contributo al lavoro di chi, al Governo, […]

Read More

Flickr

    Contatti CGD

    Il Coordinamento Genitori Democratici è una ONLUS fondata nel 1976 da Marisa Musu e Gianni Rodari sull'onda dei movimenti di partecipazione e di rinnovamento democratico delle istituzioni tradizionali. Trovate maggiori informazioni in CHI SIAMO

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: