“FAMILY DAY 3.0” ANTI-GENDER. UDS E CGD: “BASTA CROCIATE OSCURANTISTE. LA SCUOLA DEVE ESSERE UN LUOGO DI LIBERTA’ E AUTODETERMINAZIONE”

famiglia arcobaleno

Ieri è stata presentata in Senato una petizione promossa da ProVitaOnlus, Giuristi per la vita, Movimento per la vita, Age e Agesc contro il dilagare della “ideologia del gender” dentro le scuole e rivolta a Matteo Renzi e Stefania Giannini. L’Unione degli Studenti e il Coordinamento Genitori Democratici denunciano l’impianto omofobo e oscurantista dell’iniziativa.

“Ci troviamo a dover fare i conti con l’ennesima campagna omofoba e di censura condotta contro l’educazione laica all’identità di genere e alla sessualità.” -afferma Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti.- “Dietro la retorica della “sana educazione affettiva e sessuale nelle scuole” si cela la volontà da parte delle cinque associazioni promotrici di mantenere il costrutto del genere saldamente ancorato alle sue basi meramente sessuali e biologiche, affinchè continui ad essere una gabbia che impone ruoli prefissati e genera violenza, isolamento,  emarginazione e discriminazione. L’ideologia del gender non esiste. E’ un argomento usato a mo’ di spauracchio da chi vuole colpire le persone gay, lesbiche, trans e tutti coloro che rivendicano la propria libertà di amare e di autodeterminarsi. Ribadiamo l’urgenza di un programma di educazione sessuale laica e di saperi di genere nelle scuole e l’aggiornamento dei materiali didattici, in rispetto del Codice Polite, per favorire lo sviluppo dell’identità di genere e rimuovere  gli stereotipi presenti in tali strumenti che pesano sulla formazione di ogni studentessa e studente fin dalla tenera età.”

“Abbiamo costantemente denunciato, anche in sedi istituzionali, la campagna di queste associazioni contro una presunta “ideologia del gender” che a loro avviso avrebbe trovato facile diffusione tramite un opuscolo dell’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali)” -afferma Angela Nava, Presidente Coordinamento Genitori Democratici. “L’impegno che da anni portiamo avanti nel far riconoscere i diritti LGBTQI non ha niente di ideologico. La vera ideologia è quella propugnata dalle stesse associazioni omofobe. Crediamo che lo Stato debba rivestire un ruolo educativo di contrasto a ogni forma di razzismo e discriminazione. Non servono piani di azioni straordinari, bensì un impegno continuativo e concreto nella costruzione di un clima di rispetto, accettazione e inclusione delle persone, degno di una società civile e democratica. Anche i genitori devono poter svolgere un ruolo cruciale nella diffusione di una seria campagna informativa volta al superamento degli stereotipi di genere e all’affermazione di una vera cultura del rispetto e delle differenze.”

About the author /


Notizie dai CGD locali

RIFLESSIONI DI FRANCO LORENZONI PER SALTAMURI SU : IUS SCHOLAE
Posted in: Attività Cgd Locali

E’ approdato ieri alla Camera lo Ius Scholae, una legge molto moderata sulla cittadinanza ai figli di famiglie immigrate, che può tuttavia aprire il varco al diritto inalienabile di ragazze e ragazzi di ogni provenienza a sentirsi di casa in Italia. Nonostante i limiti della proposta dell’onorevole Brescia, dobbiamo mobilitarci di nuovo perché entro questa […]

Read More

Flickr

    Contatti CGD

    Il Coordinamento Genitori Democratici è una ONLUS fondata nel 1976 da Marisa Musu e Gianni Rodari sull'onda dei movimenti di partecipazione e di rinnovamento democratico delle istituzioni tradizionali. Trovate maggiori informazioni in CHI SIAMO

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: