evidenziatore di Maurizio Parodi

 

15590717-illustrazione-di-bambini-stick-lettura-libri-di-mucchi-di-materiali-di-lettura

Scuole a compiti zero

Vorrei “censire” le classi/scuole nelle quali non si assegnino compiti a casa.

Sono convinto che i compiti a casa debbano essere eliminati perché:

  • sono inutili: le nozioni ingurgitate attraverso lo studio domestico per essere rigettate a comando (interrogazioni, verifiche…) hanno durata brevissima – dopo un paio di mesi non si ricorda nulla;
  • sono dannosi: procurano disagi, sofferenze soprattutto agli studenti già in difficoltà, suscitando odio per la scuola e repulsione per la cultura, oltre alla certezza, per molti studenti “diversamente dotati”, della propria «naturale» inabilità allo studio;
  • sono discriminanti: avvantaggiano gli studenti avvantaggiati, quelli che hanno genitori premurosi e istruiti, e penalizzano chi vive in ambienti deprivati, aggravando, anziché “compensare”, l’ingiustizia già sofferta;
  • sono impropri: costringono i genitori a sostituire i docenti; senza averne le competenze professionali, nel compito più importante, quello di insegnare un metodo di studio (spesso devono sostituire anche i figli facendo loro i compiti a casa);
  • sono limitanti: lo svolgimento di fondamentali attività formative (che la scuola non offre: musica, sport…), oltre gli orari delle lezioni, che richiedono tempo, energie, impegno, esercizio, sono limitate o impedite dai compiti a casa;
  • sono stressanti: molta parte dei conflitti, dei litigi (le urla, i pianti, le punizioni…) che avvengono tra genitori e figli riguardano lo svolgimento, meglio il tardivo o il mancato svolgimento dei compiti;

Si potrebbe allestire uno spazio di confronto e scambio di esperienze, costruire una rete delle classi/scuole a compiti zero, per sostenere l’operato dei docenti e fornire ai genitori indicazioni e supporto.

Si potrebbero prevedere incontri (anche con esperti) nelle scuole aderenti, e magari un convegno annuale.

Si potrebbero confrontare i percorsi e gli esiti scolastici degli studenti liberati dall’onere dei compiti.

Si potrebbe… se esistessero genitori e docenti (ben)disposti.

6 ottobre 2014

About the author /


Notizie dai CGD locali

UNA INTERESSANTE INIZIATIVA DEL CGD LOMBARDIA
Posted in: Attività Cgd Locali

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ci ha dimostrato quanto siano importanti la partecipazione e il coinvolgimento delle famiglie come categoria sociale organizzata. È necessario partire da questa consapevolezza per costruire occasioni di trasformazione con la messa a punto di comportamenti, azioni e prassi di democrazia concreta: una scuola come laboratorio sociale. Costruiamo questo percorso comune.

Read More

Flickr

    Contatti CGD

    Il Coordinamento Genitori Democratici è una ONLUS fondata nel 1976 da Marisa Musu e Gianni Rodari sull'onda dei movimenti di partecipazione e di rinnovamento democratico delle istituzioni tradizionali. Trovate maggiori informazioni in CHI SIAMO

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: